Il volume è essenzialmente diretto a riprendere alcuni dei molti contributi teorici tradizionalmente sviluppati come approcci evolutivi all’analisi del cambiamento tecnologico, delineandone gli elementi ricorrenti e sistematizzandoli in un impianto unitario qui meglio orientato al quadro disciplinare del disegno industriale. Il tratto comune tra i saggi – articolati nel testo come capitoli ma indipendenti nel proprio singolo sviluppo – sta nell’assumere che per i diversi ordini in cui si manifesta la produzione artificiale (i singoli oggetti, le popolazioni di prodotti, i sistemi tecnici che generano prodotti e tecnologie) sia delineabile un’interpretazione evolutiva. Sulla scorta dell’analogia, la finalità didattica del testo è quella di proporre un avvicinamento al tema del cambiamento, letto alla microscala degli artefatti e alla macroscala dei sistemi socio-tecnici, rapportandolo ad alcune tematiche convenzionali di largo respiro: le unità evolutive nella tecnologia, l’evoluzione della forma degli artefatti, i meccanismi di generazione della varietà nei prodotti dell’attività umana, le genealogie dell’artificiale, i processi inventivi e innovativi tra tesi continuiste e discontinuiste. Il volume si rivolge a studenti e ricercatori universitari dell’area disciplinare del design, in particolare dei prodotti, con interessi per lo studio della variabilità morfologica e funzionale degli oggetti e per la speculazione teorica nell’analisi degli artefatti e dei sistemi tecnici.

In evoluzione. Per una storia quasi naturale degli artefatti

PIZZOCARO, SILVIA LUISA
2015

Abstract

Il volume è essenzialmente diretto a riprendere alcuni dei molti contributi teorici tradizionalmente sviluppati come approcci evolutivi all’analisi del cambiamento tecnologico, delineandone gli elementi ricorrenti e sistematizzandoli in un impianto unitario qui meglio orientato al quadro disciplinare del disegno industriale. Il tratto comune tra i saggi – articolati nel testo come capitoli ma indipendenti nel proprio singolo sviluppo – sta nell’assumere che per i diversi ordini in cui si manifesta la produzione artificiale (i singoli oggetti, le popolazioni di prodotti, i sistemi tecnici che generano prodotti e tecnologie) sia delineabile un’interpretazione evolutiva. Sulla scorta dell’analogia, la finalità didattica del testo è quella di proporre un avvicinamento al tema del cambiamento, letto alla microscala degli artefatti e alla macroscala dei sistemi socio-tecnici, rapportandolo ad alcune tematiche convenzionali di largo respiro: le unità evolutive nella tecnologia, l’evoluzione della forma degli artefatti, i meccanismi di generazione della varietà nei prodotti dell’attività umana, le genealogie dell’artificiale, i processi inventivi e innovativi tra tesi continuiste e discontinuiste. Il volume si rivolge a studenti e ricercatori universitari dell’area disciplinare del design, in particolare dei prodotti, con interessi per lo studio della variabilità morfologica e funzionale degli oggetti e per la speculazione teorica nell’analisi degli artefatti e dei sistemi tecnici.
Edizioni Unicopli srl
9788840018232
Evoluzione degli artefatti. Teoria del design. Teorie dell'innovazione dei prodotti.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
PIZZOCARO copertina.pdf

accesso aperto

: Publisher’s version
Dimensione 795.88 kB
Formato Adobe PDF
795.88 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
PIZZOCARO.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 1.27 MB
Formato Adobe PDF
1.27 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/967704
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact