Teorie del moderno e “tradizione del futuro”: prospettive sulla nuova forma-stazione