Andare per mare oggi è una passione, un hobby, una moda e solo per pochissimi un vero e proprio lavoro. Il viaggio per mare però è stato per molto tempo per i più una scelta obbligata e in alcuni casi anche un’esperienza rischiosa. Un’attività particolare, fatta di tecniche e sistemi avvolti da un certo mistero per chi abitava a terra. Con l’evolversi dell’idea di viaggio da necessità a piacere, evolve anche la struttura e la progettazione delle imbarcazioni. Il passaggio dalle costruzioni tradizionali alle imbarcazioni da diporto, in accezione contemporanea, può essere individuato nel periodo a cavallo degli anni Sessanta, quando il boom economico e l’introduzione di nuove tecnologie derivanti dall’industria bellica resero possibile un’impostazione industriale della produzione e la nascita della nautica di massa, favorendo la progettazione e la diffusione di barche idonee alla crociera e, soprattutto, all’ospitalità e alla residenza. A determinare modifiche e sviluppi nella progettazione non sono più allora le prestazioni dell’imbarcazione, ma fattori quali l’economia dello spazio, l’abitabilità interna e la piacevolezza degli ambienti di bordo. Proprio di questi fattori si occupa il volume, uno strumento didattico chiaro e sintetico sulla progettazione di interni dello yacht a motore, ma anche un testo per marinai professionisti e della domenica, per i pionieri del diporto, i progettisti, i costruttori e “tutti quelli che prima o poi sono caduti in mare in porto o in navigazione”.

Interior yacht design

LANZ, FRANCESCA;
2009

Abstract

Andare per mare oggi è una passione, un hobby, una moda e solo per pochissimi un vero e proprio lavoro. Il viaggio per mare però è stato per molto tempo per i più una scelta obbligata e in alcuni casi anche un’esperienza rischiosa. Un’attività particolare, fatta di tecniche e sistemi avvolti da un certo mistero per chi abitava a terra. Con l’evolversi dell’idea di viaggio da necessità a piacere, evolve anche la struttura e la progettazione delle imbarcazioni. Il passaggio dalle costruzioni tradizionali alle imbarcazioni da diporto, in accezione contemporanea, può essere individuato nel periodo a cavallo degli anni Sessanta, quando il boom economico e l’introduzione di nuove tecnologie derivanti dall’industria bellica resero possibile un’impostazione industriale della produzione e la nascita della nautica di massa, favorendo la progettazione e la diffusione di barche idonee alla crociera e, soprattutto, all’ospitalità e alla residenza. A determinare modifiche e sviluppi nella progettazione non sono più allora le prestazioni dell’imbarcazione, ma fattori quali l’economia dello spazio, l’abitabilità interna e la piacevolezza degli ambienti di bordo. Proprio di questi fattori si occupa il volume, uno strumento didattico chiaro e sintetico sulla progettazione di interni dello yacht a motore, ma anche un testo per marinai professionisti e della domenica, per i pionieri del diporto, i progettisti, i costruttori e “tutti quelli che prima o poi sono caduti in mare in porto o in navigazione”.
Franco Angeli
9788856810721
Progetto di Interni; Yacht desing; Interior Design; Progettazione nautica
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
inserto colori.pdf

Accesso riservato

: Pre-Print (o Pre-Refereeing)
Dimensione 6.89 MB
Formato Adobe PDF
6.89 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
interior yacht design.pdf

Accesso riservato

: Pre-Print (o Pre-Refereeing)
Dimensione 6.69 MB
Formato Adobe PDF
6.69 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Interior Yacht design_Copertina+Indice.pdf

Accesso riservato

: Altro materiale allegato
Dimensione 1.5 MB
Formato Adobe PDF
1.5 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/563937
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact