I sottotetti di chiese e palazzi sono generalmente luoghi trascurati, tanto dai proprietari quanto dallo storico dell’architettura, perlopiù interessato alle fronti esterne, agli apparati decorativi o alla distribuzione planimetrica degli interni, nonché dal restauratore. In realtà, i sottotetti degli edifici, particolarmente quelli che per vicende proprie ora si presentano in una preziosa veste palinsesta, sono luoghi di straordinaria suggestione, bacini archeologici inesplorati che possono narrare vicende costruttive e trasformative altrimenti inattingibili. Vi si conservano tracce intenzionali di riusi spesso celate o mitigate nelle parti “a vista” dell’edificio, o persino parti confezionate per altri usi, poi migrate in un’altra sfera dell’utile. Sono bacini archeologici colmi di reperti di età premoderne, la cui funzione utilitaristica sopravanza l’intrinseca qualità estetica o formale che spesso hanno (perlomeno per noi) questi oggetti. E che richiedono una metodologia avanzata ed accurata di lettura e progetti di intervento consapevoli.

Tesori in soffitta. Riusi e stratigrafie nei sottotetti: alcuni esempi lombardi

PERTOT, GIANFRANCO;
2008

Abstract

I sottotetti di chiese e palazzi sono generalmente luoghi trascurati, tanto dai proprietari quanto dallo storico dell’architettura, perlopiù interessato alle fronti esterne, agli apparati decorativi o alla distribuzione planimetrica degli interni, nonché dal restauratore. In realtà, i sottotetti degli edifici, particolarmente quelli che per vicende proprie ora si presentano in una preziosa veste palinsesta, sono luoghi di straordinaria suggestione, bacini archeologici inesplorati che possono narrare vicende costruttive e trasformative altrimenti inattingibili. Vi si conservano tracce intenzionali di riusi spesso celate o mitigate nelle parti “a vista” dell’edificio, o persino parti confezionate per altri usi, poi migrate in un’altra sfera dell’utile. Sono bacini archeologici colmi di reperti di età premoderne, la cui funzione utilitaristica sopravanza l’intrinseca qualità estetica o formale che spesso hanno (perlomeno per noi) questi oggetti. E che richiedono una metodologia avanzata ed accurata di lettura e progetti di intervento consapevoli.
Il reimpiego in architettura. Recupero, trasformazione, uso
9782728308569
Conservazione; Restauro; Sottotetti; Recupero; Analisi stratigrafica
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Pertot-Treccani Reimpiego 2008.pdf

Accesso riservato

: Altro materiale allegato
Dimensione 1.2 MB
Formato Adobe PDF
1.2 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/544191
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact