Perché Firenze? Perché proprio a Firenze si rintracciano le maggiori fioriture "espressioniste" del panorama architettonico italiano del secondo Novecento? Il saggio, muovendo dall'urgenza di fare un poco di chiarezza intorno a una presunta e leggendaria "scuola fiorentina", prova a indagare le ragioni storiche e geografiche di quella "tensione" espressionista che ha contrassegnato le personalità più rappresentative della scuola di architettura di Firenze: Giovanni Michelucci, Leonardo Ricci, Leonardo Savioli, a cui l'autore aggiunge Marco Dezzi Bardeschi. Partendo dalle Biennali veneziane, in cui forte soffiava il vento delle varie Secessioni, si giunge a quella congerie di pulsioni idealistiche ed estetizzanti che era la Firenze a cavallo del secolo, dove, tra il «Leonardo», Böcklin e D'Annunzio, Michelucci compiva il suo apprendistato.

Warum Florenz? o delle ragioni dell'espressionismo di Michelucci, Ricci, Savioli e Dezzi Bardeschi

MANGANARO, ELVIO
2016-01-01

Abstract

Perché Firenze? Perché proprio a Firenze si rintracciano le maggiori fioriture "espressioniste" del panorama architettonico italiano del secondo Novecento? Il saggio, muovendo dall'urgenza di fare un poco di chiarezza intorno a una presunta e leggendaria "scuola fiorentina", prova a indagare le ragioni storiche e geografiche di quella "tensione" espressionista che ha contrassegnato le personalità più rappresentative della scuola di architettura di Firenze: Giovanni Michelucci, Leonardo Ricci, Leonardo Savioli, a cui l'autore aggiunge Marco Dezzi Bardeschi. Partendo dalle Biennali veneziane, in cui forte soffiava il vento delle varie Secessioni, si giunge a quella congerie di pulsioni idealistiche ed estetizzanti che era la Firenze a cavallo del secolo, dove, tra il «Leonardo», Böcklin e D'Annunzio, Michelucci compiva il suo apprendistato.
Libria
9788867640959
Espressionismo fiorentino
Scuole di architettura
Architettura italiana del Novecento
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Libria_2016.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 1.35 MB
Formato Adobe PDF
1.35 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/999384
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact