Conservare fragili equilibri tra la memoria e il nuovo: i musei di Albini e Helg