L’architettura non è uno sfondo. Il contributo di Robert Mallet-Stevens ad alcuni film degli anni Venti varia dalla scenografia al ruolo cruciale degli spazi progettati