Margine e non luogo. In due film di Ursula Meier, Home e Sister, i luoghi dove si svolgono le storie sono indifferenti, come il modo di vivere dei protagonisti. Lo spazio diventa un fattore quasi metaforico