Il saggio ripercorre le tante e diverse trasformazioni avvenute nel Centro Svizzero di Milano dagli anni Cinquanta fino ad oggi, mettendo a confronto lo stato originale con quello attuale. La prima parte del testo tratta in particolare le opere d’arte e di design che in origine caratterizzavano l’edificio, eseguite da artisti e designer svizzeri come Noldi Soland, Cornelia Forster e Alberto Salvioni, autore del grande mosaico della corte interna. Molte di queste sono purtroppo andate perdute negli anni, per ragioni diverse. Nella seconda parte l’autore ripercorre invece gli interventi svolti dallo studio Campi & Pessina (nella seconda metà degli anni Novanta) e dallo studio Broggi & Burckhardt (dal 1998), che hanno interessato diverse parti dell’edificio e affrontato temi complessi e variegati come l’adeguamento impiantistico e tecnologico, il ripensamento del carattere architettonico degli spazi interni, ecc. A questi interventi si aggiunge lo “Swiss Corner”, realizzato da Bearth & Deplazes Architekten al piano terra, inaugurato nel 2012.

Il Centro Svizzero di Milano dopo Armin Meili. Aggiunte sostituzioni e perdite dal 1952 a oggi

NERI, GABRIELE
2015-01-01

Abstract

Il saggio ripercorre le tante e diverse trasformazioni avvenute nel Centro Svizzero di Milano dagli anni Cinquanta fino ad oggi, mettendo a confronto lo stato originale con quello attuale. La prima parte del testo tratta in particolare le opere d’arte e di design che in origine caratterizzavano l’edificio, eseguite da artisti e designer svizzeri come Noldi Soland, Cornelia Forster e Alberto Salvioni, autore del grande mosaico della corte interna. Molte di queste sono purtroppo andate perdute negli anni, per ragioni diverse. Nella seconda parte l’autore ripercorre invece gli interventi svolti dallo studio Campi & Pessina (nella seconda metà degli anni Novanta) e dallo studio Broggi & Burckhardt (dal 1998), che hanno interessato diverse parti dell’edificio e affrontato temi complessi e variegati come l’adeguamento impiantistico e tecnologico, il ripensamento del carattere architettonico degli spazi interni, ecc. A questi interventi si aggiunge lo “Swiss Corner”, realizzato da Bearth & Deplazes Architekten al piano terra, inaugurato nel 2012.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/990226
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact