La nostra quotidianità si svolge nel tempo e nello spazio, dimensioni di cui tutti facciamo esperienza in modi e con consapevolezza diversi. Da un punto di vista antropologico abitare, così come respirare, interagire con le persone, produrre cultura, è una delle forme in cui si sviluppa il nostro modo di essere nel mondo. Oggi le metropoli sono il luogo in cui “accadono le cose”, dove acquista significato la compresenza e si concentrano i concetti di molteplicità, di coesistenza di realtà incompatibili e diversità; come le vite, sono affollate di persone, di fatti, di cose e diventano luogo del tutto (Ettore, 2015 Riflettere sull’ambiente costruito, in relazione alla complessità dell’essere umano e alla sua continua evoluzione, sembra comportare la necessità di ridefinire un equilibrio tra uso del territorio e benessere psico-fisico abbandonando una cieca fiducia nello sviluppo illimitato e rifiutando il sistematico consumo di suolo, di energia, di patrimonio edificato e naturale. Scopo di questa nota è porre l’accento sul diritto alla bellezza e alla memoria come dimensioni necessarie al benessere individuale e collettivo, e approfondire il ruolo complementare che l’approccio bioenergetico e l’Interior Design possono svolgere all’interno di una concezione unificante, priva di barriere, fra scienza e arte.

Abitare la bellezza

ANZANI, ANNA;CARAMEL, CLAUDIA
2015

Abstract

La nostra quotidianità si svolge nel tempo e nello spazio, dimensioni di cui tutti facciamo esperienza in modi e con consapevolezza diversi. Da un punto di vista antropologico abitare, così come respirare, interagire con le persone, produrre cultura, è una delle forme in cui si sviluppa il nostro modo di essere nel mondo. Oggi le metropoli sono il luogo in cui “accadono le cose”, dove acquista significato la compresenza e si concentrano i concetti di molteplicità, di coesistenza di realtà incompatibili e diversità; come le vite, sono affollate di persone, di fatti, di cose e diventano luogo del tutto (Ettore, 2015 Riflettere sull’ambiente costruito, in relazione alla complessità dell’essere umano e alla sua continua evoluzione, sembra comportare la necessità di ridefinire un equilibrio tra uso del territorio e benessere psico-fisico abbandonando una cieca fiducia nello sviluppo illimitato e rifiutando il sistematico consumo di suolo, di energia, di patrimonio edificato e naturale. Scopo di questa nota è porre l’accento sul diritto alla bellezza e alla memoria come dimensioni necessarie al benessere individuale e collettivo, e approfondire il ruolo complementare che l’approccio bioenergetico e l’Interior Design possono svolgere all’interno di una concezione unificante, priva di barriere, fra scienza e arte.
Alteridentità
9788899476045
Identità, memoria, corpo, metropoli, molteplicità, restauro, bellezza
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Alteridentita-Anz-Car.pdf

Accesso riservato

Descrizione: Capitolo completo
: Publisher’s version
Dimensione 2.37 MB
Formato Adobe PDF
2.37 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/986328
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact