Con la mancata aggiudicazione del Bando promosso da Arexpo per assegnare le aree di proprietà sulle quali si svolgerà l’Esposizione Universale 2015 di Milano si è confermata con tutta evidenza l’assenza di condizioni economiche e sostanziali per una soluzione di carattere immobiliare per lo sviluppo del sito a conclusione del grande evento. Si apre così una fase pensata per orientare i percorsi che si apriranno oltre la gara; naturalmente se continueranno a essere condivise alcune scelte di fondo sull'area e sulle potenzialità del suo futuro ruolo livello metropolitano, di cui il contributo tratta.

La legacy materiale di Expo 2015: per un progetto virtuoso di riuso e di rigenerazione urbana del sito.

GALUZZI, PAOLO
2015

Abstract

Con la mancata aggiudicazione del Bando promosso da Arexpo per assegnare le aree di proprietà sulle quali si svolgerà l’Esposizione Universale 2015 di Milano si è confermata con tutta evidenza l’assenza di condizioni economiche e sostanziali per una soluzione di carattere immobiliare per lo sviluppo del sito a conclusione del grande evento. Si apre così una fase pensata per orientare i percorsi che si apriranno oltre la gara; naturalmente se continueranno a essere condivise alcune scelte di fondo sull'area e sulle potenzialità del suo futuro ruolo livello metropolitano, di cui il contributo tratta.
Rigenerazione urbana, Expo 2015, riuso
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Eyes_Reg,2015.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo principale
: Post-Print (DRAFT o Author’s Accepted Manuscript-AAM)
Dimensione 122.87 kB
Formato Adobe PDF
122.87 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/984071
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact