In un periodo di rinascita dell’economia urbana, legata all’innovazione e all’economia della conoscenza, il concetto di “distretto produttivo” viene recuperato e reinterpretato a livello internazionale per l’integrazione economia-società o sotto forma di “cluster tecnologico”, mentre in Italia ci si interroga sulla capacità di tenuta di questo modello organizzativo in un panorama economico mondiale profondamente mutato. Lo studio dell’evoluzione dei “distretti produttivi”, nel tempo e nello spazio, sembra intercettare alcune questioni rilevanti per la disciplina urbanistica. Da un lato, l’osservazione dei territori della manifattura consente di leggere la “metamorfosi” delle imprese – che diventano sempre più grandi, innovative e internazionalizzate – e degli spazi della produzione, il cui uso plurale va dalla dismissione alla riqualificazione. Dall’altro, l’economia dei flussi impone una riflessione sull’ibridazione di manifattura e servizi e sul conseguente avvicinamento di attività, spazi e stili di vita urbani e “periferici” nella nozione di “sistema metropolitano”.

Il “distretto produttivo” fra trasmigrazione e metamorfosi. Un concetto che evolve – un territorio che cambia.

MATTIOLI, CRISTIANA
2014-01-01

Abstract

In un periodo di rinascita dell’economia urbana, legata all’innovazione e all’economia della conoscenza, il concetto di “distretto produttivo” viene recuperato e reinterpretato a livello internazionale per l’integrazione economia-società o sotto forma di “cluster tecnologico”, mentre in Italia ci si interroga sulla capacità di tenuta di questo modello organizzativo in un panorama economico mondiale profondamente mutato. Lo studio dell’evoluzione dei “distretti produttivi”, nel tempo e nello spazio, sembra intercettare alcune questioni rilevanti per la disciplina urbanistica. Da un lato, l’osservazione dei territori della manifattura consente di leggere la “metamorfosi” delle imprese – che diventano sempre più grandi, innovative e internazionalizzate – e degli spazi della produzione, il cui uso plurale va dalla dismissione alla riqualificazione. Dall’altro, l’economia dei flussi impone una riflessione sull’ibridazione di manifattura e servizi e sul conseguente avvicinamento di attività, spazi e stili di vita urbani e “periferici” nella nozione di “sistema metropolitano”.
AA. VV. (2014), Atti della XVII Conferenza Nazionale SIU - Società Italiana degli Urbanisti, L'urbanistica italiana nel mondo, Milano, 15-16 Maggio 2014, Planum Publisher, Roma-Milano
9788899237004
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Atti_XVII_Conferenza_Nazionale_SIU_Planum_Publisher_2014_Atelier_8_Mattioli.pdf

accesso aperto

Descrizione: Paper
: Publisher’s version
Dimensione 297.36 kB
Formato Adobe PDF
297.36 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/937955
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact