Lo studio esamina l'impostazione disciplinare della tecnologia dell'architettura, propria della scuola milanese, secondo l'articolazione nei confronti delle finalità della formazione del progettista rispetto all'insegnamento indirizzato a meccanismi di coordinamento sistemico e di integrazione tematica del progetto per la costruzione: questo sviluppato all'interno del percorso di conoscenza, di esplorazione e di applicazione di quanto disposto dalla realtà di riferimento e inteso quale strumento di sintesi tra i vincoli e le opportunità, tra le regole procedurali e le soluzioni possibili. I criteri disciplinari, rispetto all'individuazione dei meccanismi di coordinamento sistemico del progetto per la costruzione, si configurano attraverso la combinazione dei saperi, dei contenuti, delle procedure attuative e delle operazioni che devono essere assimilate, gestite e controllate per la costruzione dell'architettura. Il coordinamento sistemico pone il progetto sia quale processo conoscitivo e "interpretativo" (che comporta la definizione del progetto come strumento di conoscenza), sia quale strumento di azione nei confronti e all'interno della realtà di riferimento. La gestione e il controllo delle conoscenze e degli strumenti di azione sono così assunti, in forma sistemica, rispetto al processo di trasmissione e di apprendimento capace di operare nei confronti della complessità (soprattutto di carattere procedurale) e dei vincoli, attraverso cui svolgere l'attuazione concreta e reale del progetto. Tale concezione sistemica è adottata anche per analizzare le molteplici questioni chiamate in causa dallo scenario processuale contemporaneo secondo un approccio metodologico olistico, in grado di favorire la disamina e l'applicazione simultanea delle possibilità e dei vincoli della realtà (insiti nei modi di operare propri della elaborazione euristica).

La formazione del progettista

NASTRI, MASSIMILIANO
2014-01-01

Abstract

Lo studio esamina l'impostazione disciplinare della tecnologia dell'architettura, propria della scuola milanese, secondo l'articolazione nei confronti delle finalità della formazione del progettista rispetto all'insegnamento indirizzato a meccanismi di coordinamento sistemico e di integrazione tematica del progetto per la costruzione: questo sviluppato all'interno del percorso di conoscenza, di esplorazione e di applicazione di quanto disposto dalla realtà di riferimento e inteso quale strumento di sintesi tra i vincoli e le opportunità, tra le regole procedurali e le soluzioni possibili. I criteri disciplinari, rispetto all'individuazione dei meccanismi di coordinamento sistemico del progetto per la costruzione, si configurano attraverso la combinazione dei saperi, dei contenuti, delle procedure attuative e delle operazioni che devono essere assimilate, gestite e controllate per la costruzione dell'architettura. Il coordinamento sistemico pone il progetto sia quale processo conoscitivo e "interpretativo" (che comporta la definizione del progetto come strumento di conoscenza), sia quale strumento di azione nei confronti e all'interno della realtà di riferimento. La gestione e il controllo delle conoscenze e degli strumenti di azione sono così assunti, in forma sistemica, rispetto al processo di trasmissione e di apprendimento capace di operare nei confronti della complessità (soprattutto di carattere procedurale) e dei vincoli, attraverso cui svolgere l'attuazione concreta e reale del progetto. Tale concezione sistemica è adottata anche per analizzare le molteplici questioni chiamate in causa dallo scenario processuale contemporaneo secondo un approccio metodologico olistico, in grado di favorire la disamina e l'applicazione simultanea delle possibilità e dei vincoli della realtà (insiti nei modi di operare propri della elaborazione euristica).
La cultura tecnologica nella scuola milanese
9788891604224
Tecnologia dell'architettura. Cultura tecnologica della progettazione.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
NASTRI - La formazione del progettista - 2014.pdf

accesso aperto

: Publisher’s version
Dimensione 856.66 kB
Formato Adobe PDF
856.66 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/886082
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact