Nel 1509 a Venezia, Luca Pacioli dà alle stampe un???edizione del De Divina Proportione di particolare rilevanza. Il libro comprende tre volumi, di cui il primo è il Compendium de Divina Proportione, seguito dalle tavole riproducenti i poliedri regolari e ???dependenti??? sulla base dei disegni di Leonardo da Vinci. Il secondo volume è uno scritto sull???Architettura e il terzo è la versione volgare del Libellus de quinque corporibus regularibus di Piero della Francesca. A conclusione dell???edizione si trovano le tavole dedicate alla costruzione delle lettere maiuscole dell???alfabeto, mediante l???uso di riga e compasso. Per quanto riguarda la costruzione geometrica delle lettere, le indicazioni fornite da Pacioli sono piuttosto scarse, ad eccezione del costante richiamo al quadrato e al cerchio e a qualche indicazione sulle proporzioni. Non sembra ingiustificato ritenere che Pacioli abbia basato la costruzione delle lettere capitali sulle conoscenze che espone nell???opera e alla nota collaborazione con Leonardo, risalente al soggiorno milanese tra il 1496 e il 1499. Abbiamo cercato quindi di ricostruire geometricamente le lettere, basandoci su tale presupposto. Il nostro interesse per il tema è nato da alcuni colloqui con Alessandra Angelini, artista e docente di Grafica d???Arte presso l???Accademia di Belle Arti di Brera, che ci ha proposto una verifica matematica della sua ipotesi innovativa circa la costruzione e l???attribuzione delle lettere capitali di Luca Pacioli. In quel periodo infatti, stava sviluppando alcune idee in vista della sua partecipazione alle Giornate di Studi sull???Uomo Vitruviano, tenutesi presso l???Accademia. Segnaliamo come riferimento l???articolo di Alessandra Angelini , che appare nel volume ???Approfondimenti sull???Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci??? a cura di Paola Salvi ??? CB Edizioni 2012. Il lavoro è sviluppato nell???ambito di un programma di sperimentazione didattica rivolto agli studenti delle scuole superiori, per cui abbiamo pensato di utilizzare un software grafico molto elementare e diffuso, che comunque è sufficiente allo scopo.

Le Geometrie ricostruite delle lettere capitali di Luca Pacioli

MAGNAGHI DELFINO, PAOLA;NORANDO, TULLIA
2014

Abstract

Nel 1509 a Venezia, Luca Pacioli dà alle stampe un???edizione del De Divina Proportione di particolare rilevanza. Il libro comprende tre volumi, di cui il primo è il Compendium de Divina Proportione, seguito dalle tavole riproducenti i poliedri regolari e ???dependenti??? sulla base dei disegni di Leonardo da Vinci. Il secondo volume è uno scritto sull???Architettura e il terzo è la versione volgare del Libellus de quinque corporibus regularibus di Piero della Francesca. A conclusione dell???edizione si trovano le tavole dedicate alla costruzione delle lettere maiuscole dell???alfabeto, mediante l???uso di riga e compasso. Per quanto riguarda la costruzione geometrica delle lettere, le indicazioni fornite da Pacioli sono piuttosto scarse, ad eccezione del costante richiamo al quadrato e al cerchio e a qualche indicazione sulle proporzioni. Non sembra ingiustificato ritenere che Pacioli abbia basato la costruzione delle lettere capitali sulle conoscenze che espone nell???opera e alla nota collaborazione con Leonardo, risalente al soggiorno milanese tra il 1496 e il 1499. Abbiamo cercato quindi di ricostruire geometricamente le lettere, basandoci su tale presupposto. Il nostro interesse per il tema è nato da alcuni colloqui con Alessandra Angelini, artista e docente di Grafica d???Arte presso l???Accademia di Belle Arti di Brera, che ci ha proposto una verifica matematica della sua ipotesi innovativa circa la costruzione e l???attribuzione delle lettere capitali di Luca Pacioli. In quel periodo infatti, stava sviluppando alcune idee in vista della sua partecipazione alle Giornate di Studi sull???Uomo Vitruviano, tenutesi presso l???Accademia. Segnaliamo come riferimento l???articolo di Alessandra Angelini , che appare nel volume ???Approfondimenti sull???Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci??? a cura di Paola Salvi ??? CB Edizioni 2012. Il lavoro è sviluppato nell???ambito di un programma di sperimentazione didattica rivolto agli studenti delle scuole superiori, per cui abbiamo pensato di utilizzare un software grafico molto elementare e diffuso, che comunque è sufficiente allo scopo.
Luca Pacioli a Milano
9788897646037
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Magnaghi_Norando_Pacioli_Abstract.pdf

Accesso riservato

: Altro materiale allegato
Dimensione 17.21 kB
Formato Adobe PDF
17.21 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/877358
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact