La bellezza civile tra crisi e necessità