Abitando gli spazi di molte delle nostre città ci accorgiamo che essi non sono più soltanto descrivibili secondo le loro caratteristiche morfologiche, materiche e distributive, ma si è generata una nuova condizione, eterogenea, trasversale, multidisciplinare, dispersa, introflessa e spesso anche immateriale, alla quale corrispondono usi specialistici, sistemi percettivi, reti di informazioni, piattaforme comunicative, ecc. dimensioni tutte contenute nell’architettura, ma che difficilmente fanno parte dei codici lessicali dell’architetto.

Habitat Scenografiaci

SALVADEO, PIERLUIGI
2013

Abstract

Abitando gli spazi di molte delle nostre città ci accorgiamo che essi non sono più soltanto descrivibili secondo le loro caratteristiche morfologiche, materiche e distributive, ma si è generata una nuova condizione, eterogenea, trasversale, multidisciplinare, dispersa, introflessa e spesso anche immateriale, alla quale corrispondono usi specialistici, sistemi percettivi, reti di informazioni, piattaforme comunicative, ecc. dimensioni tutte contenute nell’architettura, ma che difficilmente fanno parte dei codici lessicali dell’architetto.
Navigare sulla carta bianca - Cinque idee di città e di architettura
978 88 6242 090 7
Città; Architettura; Spettacolo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2013 SL navigare sulla carta bianca.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo
: Publisher’s version
Dimensione 1.05 MB
Formato Adobe PDF
1.05 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/741568
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact