I sistemi cromatici sviluppati tra gli anni ‘30 e ‘50 del XX secolo sono caratterizzati da forme e superfici via via sempre più complesse che probabilmente riflettono la volontà di rispondere in maniera sempre più efficace alla complessità dei fenomeni coinvolti. Da una parte questi sistemi accompagnano la nascita di quella particolare branca degli studi sul colore che va sotto il nome di colorimetria, dall'altra si collegano agli studi del fisiologo Ewald Hering sui primari fisiologici e sulla teoria dei colori opponenti, aprendo la strada ad un approccio al colore di tipo percettivo

Modelli cromatici

BISSON, MARIO;BOERI, CRISTINA;VEZZANI, VALENTINA
2011

Abstract

I sistemi cromatici sviluppati tra gli anni ‘30 e ‘50 del XX secolo sono caratterizzati da forme e superfici via via sempre più complesse che probabilmente riflettono la volontà di rispondere in maniera sempre più efficace alla complessità dei fenomeni coinvolti. Da una parte questi sistemi accompagnano la nascita di quella particolare branca degli studi sul colore che va sotto il nome di colorimetria, dall'altra si collegano agli studi del fisiologo Ewald Hering sui primari fisiologici e sulla teoria dei colori opponenti, aprendo la strada ad un approccio al colore di tipo percettivo
Realtà, simulazione, e progetto. Il ruolo del modello
9788838760632
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Bisson_Boeri_Vezzani_modellicromatici.pdf

Accesso riservato

: Post-Print (DRAFT o Author’s Accepted Manuscript-AAM)
Dimensione 88.62 kB
Formato Adobe PDF
88.62 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/703933
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact