Il disastro pianificato e l’innovazione silenziosa. Due (quasi) progetti urbani a contrasto