Due chiavi progettuali per la giustizia spaziale: sviluppo delle capacità e apertura dei recinti