Il giardino nomade, il viaggiatore permanente