La sfida più rischiosa dell’architettura è coniugare l’arte della contemporaneità al tempo presente. I rivoli della tecnologia ferroviaria si sono estinti alla fine di un quartiere storico di Milano fino a diventare archeologia industriale e tra le pieghe del nostro re-styling si insinua l’oggetto spurio della “esposizione”, quasi a conquistarsi uno spazio che la città e la società gli hanno negato. E’ il destino dell’arte convivere con l’ansia della transitorietà e il “museo”nasce altro per diventare rappresentazione di una marginalità urbana e il suo doppio: spazio della creatività involontaria e luogo-processo dell’elaborazione delle teorie estetiche transeunti. Il tempo presente del museo è l’unico che possiamo prevedere e che ha l’ambizione di “rubare la scena” al gesto ingegneristico, cartesiano e realmente politecnico dell’intervento concorsuale.

Arcate di Greco: riqualificazione arcate viadotti ferroviaria - Progetto di concorso

BOATTI, ANTONELLO;BIANCHI, ALESSANDRO
2006

Abstract

La sfida più rischiosa dell’architettura è coniugare l’arte della contemporaneità al tempo presente. I rivoli della tecnologia ferroviaria si sono estinti alla fine di un quartiere storico di Milano fino a diventare archeologia industriale e tra le pieghe del nostro re-styling si insinua l’oggetto spurio della “esposizione”, quasi a conquistarsi uno spazio che la città e la società gli hanno negato. E’ il destino dell’arte convivere con l’ansia della transitorietà e il “museo”nasce altro per diventare rappresentazione di una marginalità urbana e il suo doppio: spazio della creatività involontaria e luogo-processo dell’elaborazione delle teorie estetiche transeunti. Il tempo presente del museo è l’unico che possiamo prevedere e che ha l’ambizione di “rubare la scena” al gesto ingegneristico, cartesiano e realmente politecnico dell’intervento concorsuale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
A_D_G.pdf

Accesso riservato

: Altro materiale allegato
Dimensione 3.83 MB
Formato Adobe PDF
3.83 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/671753
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact