Sull’intendere l’architettura a proposito di due ‘cubi’