Il "senso" dell'ingresso