Wim Wenders, luogo e memoria