"Qualità diffusa" nel restauro del moderno