La qualità della “fenomenologia estetica” di Banfi