Sul Trattato della livellazione di Jean Picard