Bovisa, ancora un'occasione persa per la cultura (non solo urbanistica e amministrativa)?