[intervento a una lezione di Giulio Carlo Argan]