Le indagini non distruttive sugli edifici stanno avendo un progressivo sviluppo nell’ingegneria civile. Le tecniche di geofisica applicata trovano in questo settore numerose applicazioni e stimoli per nuove ricerche. I restauratori e gli ingegneri civili, dall’applicazione di queste tecnologie richiedono informazioni sulla geometria degli elementi non visibili, sul loro stato di ammaloramento e sulla matrice che compone i materiali dell’edificio. Una tale quantità di informazioni eterogenee richiede l’utilizzo di più sistemi basati su principi fisici di funzionamento diversi. In questo lavoro ci si è occupati dell’analisi delle potenzialità di individuazione e ricostruzione delle geometrie degli elementi non visibili di un edificio. Le tecnologie considerate sono state la Termografia (attiva e passiva) e il Georadar, metodologie differenti nei principi fisici di funzionamento, nelle possibilità operative e investigative. È presentato il caso di studio di una campagna di misure sperimentali Georadar e Termografica su di un edificio storico per verificare la complementarietà delle due metodologie.

Complementarietà delle indagini termografiche e georadar nella diagnostica degli edifici

LUALDI, MAURIZIO;GIANINETTO, MARCO;ZANZI, LUIGI;SAISI, ANTONELLA ELIDE
2003

Abstract

Le indagini non distruttive sugli edifici stanno avendo un progressivo sviluppo nell’ingegneria civile. Le tecniche di geofisica applicata trovano in questo settore numerose applicazioni e stimoli per nuove ricerche. I restauratori e gli ingegneri civili, dall’applicazione di queste tecnologie richiedono informazioni sulla geometria degli elementi non visibili, sul loro stato di ammaloramento e sulla matrice che compone i materiali dell’edificio. Una tale quantità di informazioni eterogenee richiede l’utilizzo di più sistemi basati su principi fisici di funzionamento diversi. In questo lavoro ci si è occupati dell’analisi delle potenzialità di individuazione e ricostruzione delle geometrie degli elementi non visibili di un edificio. Le tecnologie considerate sono state la Termografia (attiva e passiva) e il Georadar, metodologie differenti nei principi fisici di funzionamento, nelle possibilità operative e investigative. È presentato il caso di studio di una campagna di misure sperimentali Georadar e Termografica su di un edificio storico per verificare la complementarietà delle due metodologie.
Atti del XXII Convegno Nazionale GNGTS
8890038594
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
12_22_full_Termo+GPR.pdf

accesso aperto

Descrizione: full paper
: Post-Print (DRAFT o Author’s Accepted Manuscript-AAM)
Dimensione 905.4 kB
Formato Adobe PDF
905.4 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/666306
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact