«Persona» e «locus». L’intimo relazionarsi di teatro e architettura