Alle radici della democrazia deliberativa: nuova teoria, vecchi rischi?