Un paradosso per il restauro: gli edifici del Movimento Moderno