Giuseppe Pagano e la cultura della città durante il fascismo