Il Selvaggio, Piacentini e i razionalisti