Il viandante e lo scienziato. La città tra ordo e oikos