Il saggio tratta della presenza russa all'Esposizione di Parigi del 1925 e affronta criticamente le scelte compositive tanto del padiglione espositivo quanto, utilizzando materiali inediti, degli oggetti presentati nelle diverse sezioni: l'analisi di quest'ultimi è utile a spiegare il tradimento subito dall'avanguardia, da parte del regime sovietico, in nome di un ritorno all'ordine formale, necessario alla ripresa del commercio con l'estero.

Sulla Esposizione Universale di Parigi del 1925

TONELLI, MARIA CRISTINA
1981-01-01

Abstract

Il saggio tratta della presenza russa all'Esposizione di Parigi del 1925 e affronta criticamente le scelte compositive tanto del padiglione espositivo quanto, utilizzando materiali inediti, degli oggetti presentati nelle diverse sezioni: l'analisi di quest'ultimi è utile a spiegare il tradimento subito dall'avanguardia, da parte del regime sovietico, in nome di un ritorno all'ordine formale, necessario alla ripresa del commercio con l'estero.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/665108
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact