Copenhagen: contenimento della disuguaglianza o aumento della segregazione?