La cultura di fabbrica come patrimonio della periferia