La geodesia è una delle più antiche discipline scientifiche: gli studiosi si sono sempre interrogati sulla forma della terra, sulle sue dimensioni, sulla sua interazione con gli altri pianeti. La misura di Eratostene della circonferenza terrestre rappresenta un magnifico risultato dell’applicazione delle ipotesi geometriche formulate dagli studiosi nel III secolo avanti Cristo. La teoria della stima del geoide e di altre figure di riferimento per la superficie terrestre è fondata sugli studi dei più illustri scienziati quali Newton, Gauss, Lagrange, Laplace. Ricordiamo anche che la geodesia è una delle più antiche discipline che fanno parte della IUGG (International Union of Geodesy and Geophysics, fondata nel 1919). La geodesia fisica è per definizione la scienza che si occupa della determinazione del campo di gravità terrestre e della forma fisica della terra, cioè del geoide. Definiamo geodesia fisica spaziale quella branca della geodesia spaziale che si applica ai problemi della geodesia fisica. Nella seconda metà del XX secolo la tecnologia spaziale ha dato la possibilità di fare enormi passi avanti nella conoscenza del campo di gravità e della forma della terra, contribuendo a stimare modelli sempre più dettagliati e accurati di geoide. Le missioni di geodesia fisica spaziale hanno infatti permesso di conoscere con sempre maggior dettaglio e precisione la forma della terra e il modello del campo della gravità. Le ricadute in molti altri campi del sapere (e i benefici per tutti noi) sono fondamentali per la conoscenza dell’interno della terra e dei processi che lo governano, della superficie degli oceani e delle correnti marine, della climatologia, della glaciologia.

La geodesia fisica spaziale: breve storia dei satelliti geodetici, dagli anni sessanta ad oggi

MIGLIACCIO, FEDERICA;REGUZZONI, MIRKO;SANSO', FERNANDO
2012

Abstract

La geodesia è una delle più antiche discipline scientifiche: gli studiosi si sono sempre interrogati sulla forma della terra, sulle sue dimensioni, sulla sua interazione con gli altri pianeti. La misura di Eratostene della circonferenza terrestre rappresenta un magnifico risultato dell’applicazione delle ipotesi geometriche formulate dagli studiosi nel III secolo avanti Cristo. La teoria della stima del geoide e di altre figure di riferimento per la superficie terrestre è fondata sugli studi dei più illustri scienziati quali Newton, Gauss, Lagrange, Laplace. Ricordiamo anche che la geodesia è una delle più antiche discipline che fanno parte della IUGG (International Union of Geodesy and Geophysics, fondata nel 1919). La geodesia fisica è per definizione la scienza che si occupa della determinazione del campo di gravità terrestre e della forma fisica della terra, cioè del geoide. Definiamo geodesia fisica spaziale quella branca della geodesia spaziale che si applica ai problemi della geodesia fisica. Nella seconda metà del XX secolo la tecnologia spaziale ha dato la possibilità di fare enormi passi avanti nella conoscenza del campo di gravità e della forma della terra, contribuendo a stimare modelli sempre più dettagliati e accurati di geoide. Le missioni di geodesia fisica spaziale hanno infatti permesso di conoscere con sempre maggior dettaglio e precisione la forma della terra e il modello del campo della gravità. Le ricadute in molti altri campi del sapere (e i benefici per tutti noi) sono fondamentali per la conoscenza dell’interno della terra e dei processi che lo governano, della superficie degli oceani e delle correnti marine, della climatologia, della glaciologia.
9788890591761
Geoide; geodesia spaziale; SLR; dati Doppler; altimetria; gradiometria
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Migliaccio_et_al_storia_geodesia.pdf

Accesso riservato

: Post-Print (DRAFT o Author’s Accepted Manuscript-AAM)
Dimensione 614.36 kB
Formato Adobe PDF
614.36 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/663589
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact