Restaurare il "moderno". Un problema di prospettiva