La Grande Lione guarda al futuro