Economia della flessibilità. Una replica