Opposizioni nella modernità. A proposito del "vecchio Behrens"