Il breve scritto ironizza sulla tendenza a fornire alle generazioni più giovani il pensiero “in pillole” di maestri dell’architettura italiana contemporanea. Tenta comunque di suggerire alcune direzioni di approfondimento dell’ ”architettura della conoscenza” perseguita da Canella nell’insegnamento, negli scritti, nei progetti e nelle opere realizzate, che si staccano da smemoratezza e continua transitorietà delle mode, per costituire un corpus arduo, di non facile gradimento, ma imprescindibile per una cultura architettonica attuale e futura.

GPS, Intervista a Guido Canella, recensione a Sessantadue domande a Guido Canella

SEMINO, GIAN PAOLO
2006

Abstract

Il breve scritto ironizza sulla tendenza a fornire alle generazioni più giovani il pensiero “in pillole” di maestri dell’architettura italiana contemporanea. Tenta comunque di suggerire alcune direzioni di approfondimento dell’ ”architettura della conoscenza” perseguita da Canella nell’insegnamento, negli scritti, nei progetti e nelle opere realizzate, che si staccano da smemoratezza e continua transitorietà delle mode, per costituire un corpus arduo, di non facile gradimento, ma imprescindibile per una cultura architettonica attuale e futura.
AL
architetti italiani contemporanei
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
VQR 2 allegato marzo 2012.pdf

Accesso riservato

: Altro materiale allegato
Dimensione 1.52 MB
Formato Adobe PDF
1.52 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/638722
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact