Una analisi di alcuni scritti di Primo Levi (notissimo scrittore, ma meno noto chimico, dipendente di un’azienda chimica per lunghi anni) evidenzia il trattamento di temi tipici di un risk engineer: la prevenzione degli incendi domestici, l’analisi di rischio, l’elettricità statica, le miscele esplosive, l’anidride carbonica come fluido estinguente, l’autocombustione della segatura.

Primo Levi, un risk engineer d'antan

ORTOLANI, CARLO
2009-01-01

Abstract

Una analisi di alcuni scritti di Primo Levi (notissimo scrittore, ma meno noto chimico, dipendente di un’azienda chimica per lunghi anni) evidenzia il trattamento di temi tipici di un risk engineer: la prevenzione degli incendi domestici, l’analisi di rischio, l’elettricità statica, le miscele esplosive, l’anidride carbonica come fluido estinguente, l’autocombustione della segatura.
Sicurezza sul lavoro: utopia o realtà?
9788838744051
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/632391
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact