Il territorio mantovano è fra i territori italiani ed europei uno dei più complessi per costruzione e manutenzione. Organismi deputati a queste fondamentali attività furono, a partire dall'XI-XII secolo, le digagne, consorzi di proprietari terrieri che mediante tecnici e uomini di legge definirono, con lo scavo di canali, la costruzione di argini e di manufatti idraulici, l'attuale assetto territoriale. Le digagne non ebbero però vita facile: soppresse da Giuseppe II d'Asburgo allo scadere del XVIII secolo, non ebbero per quasi un secolo la possibilità di ricostituirsi a causa di un vizio fiscale, legato alla prima stesura catastale austriaca, che colpì duramente il solo territorio mantovano. Dopo la breve parentesi napoleonica e i falliti tentativi di ripristinare gli enti soppressi, la restaurazione accelerò il degrado dell'assetto territoriale. Solo le istanze di alcuni ingegneri riuscirono a porre fine all'errore, a far indennizzare la nuova provincia del neonato Regno d'Italia e ad avviarla verso una inedita stagione di bonifica mediante la ricostituzione dei consorzi idraulici privati. Il saggio evidenzia aspetti tecnici e gestionali del territorio a lungo ignorati dalla storiografia.

Acque e territorio: gestione e amministrazione dalle digagne ai consorzi idraulici

TOGLIANI, CARLO
2010

Abstract

Il territorio mantovano è fra i territori italiani ed europei uno dei più complessi per costruzione e manutenzione. Organismi deputati a queste fondamentali attività furono, a partire dall'XI-XII secolo, le digagne, consorzi di proprietari terrieri che mediante tecnici e uomini di legge definirono, con lo scavo di canali, la costruzione di argini e di manufatti idraulici, l'attuale assetto territoriale. Le digagne non ebbero però vita facile: soppresse da Giuseppe II d'Asburgo allo scadere del XVIII secolo, non ebbero per quasi un secolo la possibilità di ricostituirsi a causa di un vizio fiscale, legato alla prima stesura catastale austriaca, che colpì duramente il solo territorio mantovano. Dopo la breve parentesi napoleonica e i falliti tentativi di ripristinare gli enti soppressi, la restaurazione accelerò il degrado dell'assetto territoriale. Solo le istanze di alcuni ingegneri riuscirono a porre fine all'errore, a far indennizzare la nuova provincia del neonato Regno d'Italia e ad avviarla verso una inedita stagione di bonifica mediante la ricostituzione dei consorzi idraulici privati. Il saggio evidenzia aspetti tecnici e gestionali del territorio a lungo ignorati dalla storiografia.
Il paesaggio mantovano nelle tracce materiali, nelle lettere e nelle arti. IV. Il paesaggio mantovano dal'età delle riforme all'Unità (1700-1866)
9788822258458
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
TOGLIANI_PAESAGGIO MANTOVANO_IIII.pdf

Accesso riservato

: Publisher’s version
Dimensione 4.95 MB
Formato Adobe PDF
4.95 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/580475
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact