Il contributo si colloca nell’ambito di una raccolta di esperienze di osservazione e di ricerca (condotte ed a cura dello stesso autore) sul tema della ‘Mobilità sostenibile’ intesa come complesso di politiche e di azioni non soltanto settoriali, ma in grado di riequilibrare pesi e ruoli delle comunità nel processo più ampio di crescita della competitività dei ‘sistemi regionali’, secondo la visione di sviluppo delineata nella strategia di Lisbona. In particolare intende esplorare un approccio originale al tema della valutazione di una nuova infrastruttura mediante la lettura contestuale ed integrata degli aspetti trasportistici con quelli socio-economici ed insediativi, in modo da restituire credibilità e coerenza alla definizione di opzioni strategiche sul territorio. L’utilizzo di valutazioni integrate trasporti stico-territoriali di nuove infrastrutture razionalizzano gli approfondimenti dei complessi rapporti tra sistema insediativo e mobilità indotta, permettendo di affrontare preventivamente la soluzione delle criticità. Nella premessa sono spiegate le ragioni della scelta di lavorare con la nuova banca dati regionale della Indagini O/D 2002: prima di tutto l’importanza di avere a disposizione dati ed informazioni ch consentano decisioni ragionate, la possibilità di correlarla ad altre informazioni preordinate alla formazione del Piano Territoriale Regionale, la predisposizione dello Studio di fattibilità di un nuovo asse di collegamento autostradale (Como-Varese). Tale concomitanza di opportunità è stata assunta come occasione per: • elaborare un metodo generale di ‘valutazione’ del fabbisogno di mobilità rilevato con l’indagine regionale, • sperimentare l’applicazione di tale metodologia su una ipotesi di intervento viabilistico ‘di sistema’, con il confronto tra gli scenari alternativi di offerta e quelli di domanda, stimati sulla base di una serie di variabili territoriali rappresentative. Successivamente sono definite la metodologia di analisi, l’inquadramento dell’ambito territoriale e la definizione dell’area di studio, lo studio della distribuzione oraria degli spostamenti e la generazione della matrice del traffico dei mezzi pesanti sulle autostrade e le strade extraurbane principali (non disponibile) sulla base dei dati dei caselli autostradali (utilizzando i modelli matematici implementati nel software CUBE-TRIPS), la definizione dell’offerta di trasporto. La stima degli scenari possibili all’orizzonte 2010 è stata effettuata con la stessa struttura metodologica sviluppata per l’analisi al 2002. I risultati delle simulazioni hanno permesso: • una rappresentazione dei flussi sulla rete • la definizione del rapporto tra flussi e capacità • l’identificazione del numero di veicoli equivalenti nell’ora di punta • la stima del Traffico Giornaliero Medio, e il confronto tra le alternative costituite da 5 scenari futuri, determinati sulla base degli interventi che vengono ipotizzati come realizzabili. La metodologia di valutazione è stata impostata e proposta nell’ottica della ripercorribilità, ripetibilità ed adattabilità ad altri ambiti in modo da proporsi come potenziale strumento di supporto alla decisione in ordine all’inserimento territoriale di una nuova infrastruttura.

L'indagine O/D 2002 in Lombardia nell'analisi e valutazione delle interazioni tra territorio, domanda di mobilita' e offerta di trasporto

POLETTI, ANGELA;
2006

Abstract

Il contributo si colloca nell’ambito di una raccolta di esperienze di osservazione e di ricerca (condotte ed a cura dello stesso autore) sul tema della ‘Mobilità sostenibile’ intesa come complesso di politiche e di azioni non soltanto settoriali, ma in grado di riequilibrare pesi e ruoli delle comunità nel processo più ampio di crescita della competitività dei ‘sistemi regionali’, secondo la visione di sviluppo delineata nella strategia di Lisbona. In particolare intende esplorare un approccio originale al tema della valutazione di una nuova infrastruttura mediante la lettura contestuale ed integrata degli aspetti trasportistici con quelli socio-economici ed insediativi, in modo da restituire credibilità e coerenza alla definizione di opzioni strategiche sul territorio. L’utilizzo di valutazioni integrate trasporti stico-territoriali di nuove infrastrutture razionalizzano gli approfondimenti dei complessi rapporti tra sistema insediativo e mobilità indotta, permettendo di affrontare preventivamente la soluzione delle criticità. Nella premessa sono spiegate le ragioni della scelta di lavorare con la nuova banca dati regionale della Indagini O/D 2002: prima di tutto l’importanza di avere a disposizione dati ed informazioni ch consentano decisioni ragionate, la possibilità di correlarla ad altre informazioni preordinate alla formazione del Piano Territoriale Regionale, la predisposizione dello Studio di fattibilità di un nuovo asse di collegamento autostradale (Como-Varese). Tale concomitanza di opportunità è stata assunta come occasione per: • elaborare un metodo generale di ‘valutazione’ del fabbisogno di mobilità rilevato con l’indagine regionale, • sperimentare l’applicazione di tale metodologia su una ipotesi di intervento viabilistico ‘di sistema’, con il confronto tra gli scenari alternativi di offerta e quelli di domanda, stimati sulla base di una serie di variabili territoriali rappresentative. Successivamente sono definite la metodologia di analisi, l’inquadramento dell’ambito territoriale e la definizione dell’area di studio, lo studio della distribuzione oraria degli spostamenti e la generazione della matrice del traffico dei mezzi pesanti sulle autostrade e le strade extraurbane principali (non disponibile) sulla base dei dati dei caselli autostradali (utilizzando i modelli matematici implementati nel software CUBE-TRIPS), la definizione dell’offerta di trasporto. La stima degli scenari possibili all’orizzonte 2010 è stata effettuata con la stessa struttura metodologica sviluppata per l’analisi al 2002. I risultati delle simulazioni hanno permesso: • una rappresentazione dei flussi sulla rete • la definizione del rapporto tra flussi e capacità • l’identificazione del numero di veicoli equivalenti nell’ora di punta • la stima del Traffico Giornaliero Medio, e il confronto tra le alternative costituite da 5 scenari futuri, determinati sulla base degli interventi che vengono ipotizzati come realizzabili. La metodologia di valutazione è stata impostata e proposta nell’ottica della ripercorribilità, ripetibilità ed adattabilità ad altri ambiti in modo da proporsi come potenziale strumento di supporto alla decisione in ordine all’inserimento territoriale di una nuova infrastruttura.
Esercizi di mobilità sostenibile
9788837116071
valutazione; infrastrutture; banche dati
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
esercizi sostenibilità.pdf

Accesso riservato

: Post-Print (DRAFT o Author’s Accepted Manuscript-AAM)
Dimensione 4.89 MB
Formato Adobe PDF
4.89 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/571284
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact