I mondi 3D in Internet vengono oggi prevalentemente utilizzati a scopo d’intrattenimento: tra i casi di maggior successo troviamo i grandi giochi di ruolo online e le piattaforme dedicate all’interazione. Tuttavia, gli ambienti virtuali su Internet possiedono un indiscutibile potenziale educativo, con la loro capacità di visualizzare “mondi perduti” – ad esempio ricostruzioni di siti archeologici o scenari storici (Kenderdine 2001). Supportando la comunicazione in tempo reale tra utenti fisicamente distanti, inoltre, essi offrono a persone di nazioni diverse la possibilità di incontrarsi e discutere tematiche di rilievo, portando la propria prospettiva culturale. Infine, alla semplice comunicazione si affianca la possibilità di svolgere attività cooperative complesse; gli utenti dei mondi virtuali sono rappresentati da avatar, figurine grafiche che si muovono nell’ambiente tridimensionale: ciascuno è in grado di vedere ciò che gli altri stanno facendo, creando così la percezione di condividere lo stesso spazio.

Mondi 3D in Internet. Un ponte tra scuole e musei

DI BLAS, NICOLETTA;PAOLINI, PAOLO;POGGI, CATERINA
2003

Abstract

I mondi 3D in Internet vengono oggi prevalentemente utilizzati a scopo d’intrattenimento: tra i casi di maggior successo troviamo i grandi giochi di ruolo online e le piattaforme dedicate all’interazione. Tuttavia, gli ambienti virtuali su Internet possiedono un indiscutibile potenziale educativo, con la loro capacità di visualizzare “mondi perduti” – ad esempio ricostruzioni di siti archeologici o scenari storici (Kenderdine 2001). Supportando la comunicazione in tempo reale tra utenti fisicamente distanti, inoltre, essi offrono a persone di nazioni diverse la possibilità di incontrarsi e discutere tematiche di rilievo, portando la propria prospettiva culturale. Infine, alla semplice comunicazione si affianca la possibilità di svolgere attività cooperative complesse; gli utenti dei mondi virtuali sono rappresentati da avatar, figurine grafiche che si muovono nell’ambiente tridimensionale: ciascuno è in grado di vedere ciò che gli altri stanno facendo, creando così la percezione di condividere lo stesso spazio.
VI Rapporto Civita (2002/2003)
8809035798
multi-users virtual environments
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2003_DiBlas_alii_rapp CIVITA.pdf

Accesso riservato

: Post-Print (DRAFT o Author’s Accepted Manuscript-AAM)
Dimensione 888.68 kB
Formato Adobe PDF
888.68 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11311/568019
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact