Con un ritardo di quasi 4 anni dall'entrata in vigore del D.Lgs. 192/2005, che recepisce la direttiva europea 2002/91/CE sul rendimento energetico degli edifici, il 2 aprile 2009 è stato finalmente emanato il D.P.R. 59, uno dei tre provvedimenti previsti dal decreto del 2005 per la sua definitiva attuazione. Esso si concentra e risolve due dei tre punti dell'art. 4, comma 1, del D. Lgs. 192/2005 relativo all'adozione di criteri generali, di una metodologia di caldolo e requisiti della prestazione enegretica.

Risparmio energetico in Italia: a che punto siamo?

GORNATI, ANNA
2009

Abstract

Con un ritardo di quasi 4 anni dall'entrata in vigore del D.Lgs. 192/2005, che recepisce la direttiva europea 2002/91/CE sul rendimento energetico degli edifici, il 2 aprile 2009 è stato finalmente emanato il D.P.R. 59, uno dei tre provvedimenti previsti dal decreto del 2005 per la sua definitiva attuazione. Esso si concentra e risolve due dei tre punti dell'art. 4, comma 1, del D. Lgs. 192/2005 relativo all'adozione di criteri generali, di una metodologia di caldolo e requisiti della prestazione enegretica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11311/567804
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact